ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

mercoledì 9 dicembre 2015

COME CI SI DISINTOSSICA DAGLI PSICOFARMACI PASSO DOPO PASSO: QUESTO E' PER TUTTI VOI

Ricevo ogni giorno sempre più richieste di un "piano d'attacco" per riportare il corpo in salute dopo anni e anni di insulti (psico)farmacologici, e ho quindi deciso di prepararlo.


Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Quindi, ciò che mi accingo a scrivere NON è un consiglio di carattere medico, bensì il "succo" di anni e anni di studi e di esperienze come ricercatore indipendente: in pratica, quello che farei io se mi trovassi in una situazione similare.

Primo concetto: gli psicofarmaci NON vanno mai eliminati "di botto" se non nel caso in cui siano stati presi per periodi di tempo bassi o relativamente bassi. Nella mia esperienza, ho visto persone eliminare di colpo psicofarmaci presi anche per otto mesi senza incorrere in notevoli effetti di dismissione, anche se ognuno è un caso a parte. In generale, consiglio sempre uno scalaggio graduale del 10% al mese (significa che se assumo 10 gocce di Xanax, ne toglierò una al mese: il primo mese ne assumo 9, il secondo 8 etc...). Non è sempre facile "graduare" lo scalaggio di un farmaco, quindi cercate sempre di passare alla versione "a gocce" se disponibile. In caso contrario, munitevi di un bilancino, pesate la compressa, aprite la pastiglia e contate i granuli... insomma, utilizzate l'ingegno. Non serve rigidità totale (anche se si scala del 15% al mese non succede nulla di diverso), ma cercate comunque di essere attenti e costanti.

Secondo concetto: smettiamola di pensare che l'emivita di un farmaco (cioè il tempo che il suddetto rimane nell'organismo prima di essere espulso) sia l'unico fattore da tenere in considerazione per affermare che "non ho più psicofarmaci nel mio corpo". Gli psicofarmaci, anche se materialmente espulsi, hanno comunque costretto il vostro sistema nervoso a camminare in una modalità anomala e fuori bilanciamento, e riequilibrarsi significa a volte impiegare anni.

Terzo concetto: per stare meglio bisogna prima stare PEGGIO, e a volte MOLTO  PEGGIO. Il corpo si disintossica a ondate, a "crisi". Le crisi vanno quindi accolte come benevole. Passeranno, ma bisogna imparare a non averne paura. So che è più facile a dirsi che a farsi, ma questo è. L'unico problema che sottolineo è che la dismissione da psicofarmaci può portare a ideazioni suicidiarie e/o omicidiarie. Prestare massima attenzione in questa fase. Specialmente all'inizio non lasciare mai solo chi sta scalando. Continuare a chiedere all'interessato se manifesti o meno pensieri di morte.

Quarto concetto: siamo una macchina fatta di carne e sangue. Smettiamola di pensare che la testa sia una cosa scollegata. La maggior parte dei problemi "mentali" deriva da uno stile di vita orripilante protratto nel tempo, soprattutto vaccinatorio, farmacologico e alimentare. Questo va riequilibrato. Poi, se volete, potrete sdraiarvi sul lettino dello psicologo, ma da LUCIDI. Non serve a nulla fare psicoterapia sotto l'influenza di una droga legale. Provate a chiedere come sta un eroinomane mentre è sotto l'influenza dell'eroina: BENISSIMO!

Quinto concetto: seguendo la strada corretta dell'autoguarigione, i risultati arriveranno, ma non quando lo decidete voi. La calma e la pazienza sono la virtù dei forti.
Questo è il piano alimentare che io seguirei.

DA SUBITO: eliminazione totale senza se e senza ma di sigarette, alcol, zuccheri artificiali, cibi confezionati, conservanti alimentari, bibite gassate, succhi di frutta che non siano freschi e spremuti all'istante. Via inoltre le due proteine alimentari più distruttive per la salute mentale: GLUTINE  e LATTICINI.

DA SUBITO: iniziare la propria giornata, appena svegli, con un bicchierone di acqua calda con all'interno spremuto un limone. Dopo mezz'ora, una spremuta di arancia (non di pompelmo, in quanto può interagire con alcuni tipi di farmaci).

CON GRADUALITA': eliminazione delle proteine animali restanti (carne e pesce). Sono cibi che non hanno nulla a che vedere con l'alimentazione umana, ma vanno tolti con gradualità in modo da non scatenare una crisi eliminativa troppo forte da gestire, essendoci in concomitanza lo scalaggio dei farmaci. Quindi, nel corso dei primi sei mesi, mangiatene sempre meno, fino all'eliminazione totale.

CON GRADUALITA': stesso discorso per cereali senza glutine e legumi. Io, alla fine, li ho completamente eliminati dalla mia alimentazione, ma bisogna vedere caso per caso. Alcuni li tollerano a piccole dosi, altri no. Quindi, nessuna deroga al glutine, ma comunque una notevole riduzione anche di quelli senza glutine e dei legumi, da farsi nei primi sei mesi.

CON GRADUALITA': introduzione del miglior cibo che l'Uomo possa mangiare: la frutta. Digerire la frutta dovrebbe essere la cosa più facile del mondo, ma non lo è se ci si è abbuffati di sushi da una vita... Quindi, sempre LONTANO dai pasti, mangiare frutta nel corso della mattinata e come merenda, cercando di non mischiarne troppe tipologie (massimo 3) e di ascoltare i segnali del proprio corpo.


Quindi, come detto, spremuta al mattino e frutta fino all'ora di pranzo.

Pranzo e cena saranno così:

1) piattone iniziale di verdure CRUDE, a scelta
2) secondo piatto di verdure cotte (anche zucca o patate), con cereali senza glutine o legumi (pasta di riso, gnocchi di patate etc...). Per i primi tempi, come detto, si potrà continuare a mantenere come secondo piatto carne o pesce, puntando però alla loro eliminazione totale nei primi sei mesi.


Sesto concetto: SOLO ed esclusivamente durante questo periodo di assestamento, cercare di bere di più per agevolare il corpo nelle operazioni di disintossicazione. Poi si berrà solo se si avrà lo stimolo.

Settimo concetto: MAI DIGIUNARE durante lo scalaggio dei farmaci.

Ottavo concetto: NON RIEMPIRSI DI VITAMINE o integratori sintetici o naturali che siano. Le sostanze che servono le si assumeranno dal cibo VERO e FRESCO.

Nono concetto: mai mangiare la sera dopo le otto, in rispetto dei cicli circadiani.

Decimo concetto: se si stanno assumendo altri farmaci, oltre agli psicofarmaci, si potrà effettuare lo scalaggio anche di questo/questi ultimi. Ricordare però che prima si scalano gli psicofarmaci, e che va scalato UN FARMACO PER VOLTA, secondo delle linee guida generali. Pazienza, prudenza e attenzione saranno la carta vincente.

Undicesimo concetto: il corpo NON va mai contro se stesso e tende sempre all'autoguarigione, ma dovete mettere in discussione ORA e per SEMPRE le vostre malsane abitudini di vita.

Dodicesimo concetto: evitare di assumere benzodiazepine per rendere le crisi da dismissione meno potenti. L'unica cosa da fare è sopportare, solo così si potrà veramente guarire. Vi diranno che le crisi che passate sono indicative del vostro "bisogno del farmaco": tutte balle, sono vere e proprie crisi di astinenza da stupefacenti.

Tredicesimo concetto: mantenere ASSOLUTAMENTE basso il livello di grassi assunti (quindi pochissimo olio e frutta secca) al fine di assicurare il corretto funzionamento di tutto il sistema endocrino grazie a un sangue fluido e non viscoso.

Io sono accanto a tutti voi, pronto ad aiutare chiunque ne avesse bisogno, ma ricordate che la vita è VOSTRA, e sarete voi a soffrire durante le crisi e a gioire per i risultati raggiunti se riuscirete ad essere costanti.

Data fiducia al vostro corpo. Ora e per sempre.

Pietro Bisanti










8 commenti:

  1. Grazie Pietro, ti auguro tutta la fortuna che meriti.

    RispondiElimina
  2. Metà della metà di efexor 75 ,é l'inferno ,non andrei da uno psichiatra nemmeno se fosse
    Froid,non mi fido più di nessuno,voglio solo dismettere questo veleno,e quello che mi fa rabbia è la facilità con cui te li prescrivono! Cercherò di rivedere anche l'alimentazione, grazie per ora

    RispondiElimina
  3. Grazie Pietro per ciò che fai.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.